Il microbioma è una raccolta di microbi, costituiti principalmente da batteri, che vivono all’interno del corpo umano. Lungi dall’essere un concetto spaventoso, questi organismi sono essenziali per una salute ottimale. Una grande percentuale del microbioma si trova nell’intestino dove offre benefici di grande portata.

Il nostro microbioma può influenzare il sovrappeso, l’asma e le allergie, e disordini autoimmuni come l’artrite reumatoide e il diabete. Il microbioma interessa anche il funzionamento del nostro cervello ed è legato al lato mentale, come la depressione, la stitichezza e lo stress. Per evitare i precedenti, è necessario mantenere l`intestinalo sano. L’intestino umano contiene migliaia di batteri diversi e altri microrganismi.

La composizione del microbioma nel nostro corpo è unico in ogni individuo e cambia costantemente. Dipende dalla nostra dieta, dall’ambiente, dalla società, dal tocco, e anche dal modo della nostra nascita. Attraverso l’invecchiamento, i cambiamenti dietetici, le malattie e l’uso di antibiotici, perdiamo la maggior parte dei batteri, quindi devono essere aggiunti al corpo. Perché i nostri batteri siano felici, dobbiamo regolarmente nutrirli con la ricca fibra di carboidrati complessi che si trovano in frutta e verdura, noci, legumi, pane integrale …

Attraverso la fermentazione nell’intestino, i batteri digeriscono le sostanze nutritive e li convertono in multivitamine che il nostro corpo non può produrre proprio come la vitamina B.

La cosa più importante del microbioma è rafforzare il nostro sistema immunitario che assicura una buona separazione tra i batteri buoni e cattivi.

 

Ecco come il microbiotico influenza il corpo:

  • UMORE

E’ come mangiare cibi dolci che ti fanno sentire temporaneamente felice, batteri dell’intestino possono influenzare le emozioni. L’ansia, lo stress e le emozioni negative possono essere guidate dalla disbiosi (uno stato in cui gli organismi “cattivi” superano i benefici). Al contrario, i periodi di stress possono diminuire i batteri benefici e incoraggiare la crescita di quelli nocivi.

  • PELLE

Come organo più grande del corpo, la pelle forma una barriera protettiva tra il mondo esterno e il corpo. Alcuni nutrienti specifici utilizzati per nutrire questo importante organo, compresa la biotina, sono prodotti da batteri benefici nell’intestino, che influiscono direttamente sulla salute della pelle. Dall’altro capo dello spettro, la ridotta diversità nei batteri utili all’intestino è associata a condizioni cutanee come eczema, dermatite e acne tra gli altri.

  • SALUTE DIGESTIVA

La maggior parte dei batteri benefici presenti nel corpo umano risiedono nell’intestino. Anche se i bambini sono inizialmente sterili (non ospitano batteri), i microbi colonizzano l’intestino durante la nascita e l’allattamento al seno. Dopo la colonizzazione, questi batteri intestinali entrano in un rapporto reciprocamente vantaggioso con l’ospite in cui i batteri hanno da vivere in qualche luogo e l’ospite ottiene la loro presenza attraverso una maggiore disponibilità di nutrienti. Questo rapporto reciprocamente vantaggioso è particolarmente evidente quando si tratta di salute digestiva. Gli acidi grassi e alcune vitamine sono fornite da batteri benefici attraverso la ripartizione di materiali come la fibra. Acidi grassi a catena corta in aiuto specifico per nutrire la fodera dell’intestino, migliorare il flusso sanguigno e incoraggiare la ripristinazione della salute. I cambiamenti significativi nel microbiota intestinale sono stati osservati nei disturbi digestivi come la sindrome dell’intestino irritabile e le malattie intestinali infiammatorie, in cui mancano alcuni batteri benefici o sono stati soprannominati da quelli patogeni. Anche senza una malattia diagnosticata, il microbiota può influenzare aree di salute digestiva come la frequenza delle feci o il lavor dell’intestino, il gas e il gonfiore.

  • IL SISTEMA IMMUNITARIO

Il microbiota svolge un ruolo importante nello sviluppo del sistema immunitario sin dall’infanzia, poiché contribuisce alla maturazione del nostro sistema di difesa, nonché alla formazione e all’educazione. I batteri benefici anche scoraggiano l’ingresso di organismi potenzialmente dannosi producendo sostanze specifiche per tenerle fuori.

  • OSSATURA

L’assorbimento del calcio e la densità ossea sono influenzati dai batteri intestinali secondo le ultime ricerche. Gli studi indicano che acidi grassi a catena corta prodotta attraverso la fermentazione di fibre da batteri benefici possono aumentare la velocità con cui il calcio viene assorbito e mantenuto nell’osso. I modelli animali suggeriscono anche un legame tra la densità ossea migliorata, i batteri benefici e una dieta a fibra alta.

 

Se hai domande da porre  alla squadra di Rhythm Health o vuoi solo far sapere qualunque pensiero che hai sulla nostra gamma, non esitare e contattaci.

Referenze

  1. Holzer P (2016) Neuropeptides, Microbiota, and Behavior. International Review of Neurobiology, 131: 67-89.
  2. Panduro A, Rivera-Inigues I, Sepulveda-Villegas M, Roman S (2017) Genes, emotions and gut microbiota: The next frontier for the gastroenterologist. World Journal of Gastroenterology, 23: 3030-3042.
  3. Said HM (2002) Biotin: the forgotten vitamin. The American Journal of Clinical Nutrition, 75: 179-180.
  4. Marrs T, Flohr C (2016) The role of skin and gut microbiota in the development of atopic eczema. British Journal of Dermatology, doi: 10.1111/bjd.14907.
  5. Nermes M, Kantele JM, Atosuo TJ, Salminen S, Isolauri E (2011) Interaction of orally administered Lactobacillus rhamnosus GG with skin and gut microbiota and humoral immunity in infants with atopic dermatitis. Clinical & Experimental Allergy, 41: 370-377.
  6. Bowe W, Patel NB, Logan AC (2014) Acne vulgaris, probiotics and the gut-brain-skin axis: from anecdote to translational medicine. Beneficial Microbes, 5: 185-199.
  7. Weller HM (2007) Bacteroides: the good, the bad, and the nitty-gritty. Clinical Microbiology Reviews, 20: 593-621.
  8. Read MN, Holmes AJ (2017) Towards an integrative Understanding of Diet–Host–Gut Microbiome interactions. Frontiers in Immunology, doi: 10.3389/ mmu.2017.00538.
  9. Morowitz MJ, Carlisle E, Alverdy JC (2011) Contributions of Intestinal Bacteria to Nutrition and Metabolism in the Critically Ill. Surgical Clinics of North America, 91: 771-785.
  10. Marchesi JR, Adams DH, Fava F, Hermes GDA, Hirschfield GM, Hold G, Quraishi MN, Kinross J, Smidt H,Tuohy KM, Thomas LV, Zoetendal EG, Hart A (2016) The gut microbiota and host health: a new clinical frontier. Gut, 65: 330-339.
  11. Sirisinha S (2016) e potential impact of gut microbiota on your health: Current status and future challenges. Asian Pacific Journal of Allergy and Immunology, 34: 249-264.
  12. Stecher B (2015) The Roles of inflammation, nutrient availability and the commensal microbiota in enteric pathogen infection. Microbiology Spectrum, doi: 10.1128/microbiolspec.MBP-0008-2014.
  13. Weaver CM (2015) Diet, Gut microbiome, and bone health. Current Osteoporosis Reports, 13: 125-130.
  14. Wallace TC, Marzorati M, Spence L, Weaver CM, Williamson PS (2017) New frontiers in fibers: innovative and emerging research on the Gut microbiome and bone health. The Journal of the American College of Nutrition, 36: 218-222.